Metafora degli amanti..

Nel crepuscolo scivola il tramonto,

distante dai giochi artificiali, nelle tenebrose mani

della volubile notte che attende impaziente,

mentre il suo manto di ombre e luci, ipnotica maestra

distende oltre l’orizzonte.

Estasiato si congeda l’innamorato

nella grazia del suo rossore:

l’astro fugge verso l’amata, negli istanti

del loro incantesimo maledetto,

malinconica esistenza.

La luce consuma la sua oscurità in un letto di stelle,

dolcezze e sussurri di parole:

I baci sono mille ad accarezzare il niveo volto della notte,

candida abbraccia il suo amore, che l’avvolge nel suo splendore

di un’oscurità senza fine.

All’alba il sidus di questo cielo si risveglia,

lasciando le sue passioni nell’aureo ardore dell’aria,

che vibra nella dissolvenza del brivido notturno..

By myself

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...